LA SERE VI LEGGE ALLA LIBRERIA TRAME

la-sere-vi-legge

La Sere vi legge esce ancora una volta dal salotto di casa e approda alla Libreria Trame per una serata di racconti al femminile.

Nicoletta ci accoglierà nella sua bellissima libreria e circondati dai libri conosceremo le donne di Chimamanda Ngozi Adichie, in continuo divenire tra Nigeria e Stati Uniti. Donne che si mostrano senza veli, scoprendo timori, sogni e dolori che ne segnano le esistenze; donne sole, vittime di matrimoni combinati con mariti che non amano e dai quali non sono amate; donne tradite e infine donne che combattono per la propria indipendenza e identità.

♧♧♧♧♧♧
LUNEDÌ 14 OTTOBRE ore 21.00
la Sere vi legge… LE DONNE DI CHIMAMANDA NGOZI ADICHIE
brani tratti da Quella cosa intorno al collo di Chimamanda Ngozi Adiche (Einaudi)
alla Libreria Trame

I posti a sedere sono una ventina e la lettura durarà circa un’ora: la libreria riaprirà verso le 20.30, quindi se volete star comodi siate puntuali, che alle 21 si inizia!

♧♧♧♧♧♧ 

Chimamanda Ngozi Adichie è nata nel 1977 ad Abba in Nigeria, ha studiato negli Stati Uniti e attualmente vive tra il suo paese di origine e Baltimora. Ha esordito nel 1997 con una raccolta di poesie e già durante gli ultimi anni di università comincia a lavorare al suo primo romanzo Ibisco Viola pubblicato nel 2003. Da allora ha vinto diversi premi illustri e nel 2013 ha tenuto la TED Talk We should all be feminist di cui è stato poi pubblicato anche il libro.

Quella cosa intorno al collo è una raccolta di dodici racconti, in cui l’autrice delinea senza veli gli aspetti più problematici della società nigeriana. Tra le pagine appare però evidente che neanche l’emigrazione verso gli Stati Uniti assicura una vita felice. Da vicino anche l’America mostra lati oscuri ed è ben diversa da quanto appare nei programmi in TV e nell’immaginario comune.
Qualche pensiero in più sul libro la trovate qui.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *